Articoli marcati con tag ‘lana cardata lavorazione’

lana cardata, in tops

lana cardata, in tops

Ditemi se non è bella!!! Ecco la lana cardata in tops a nastro pettinato per fare il feltro. Abbiamo attrezzato nel nostro laboratorio questa sorta di scaffalatura per esporre la nostra lana e per far godere gli occhi. Si, per noi è una vera goduria avere sempre a portata di mano questo tripudio di colori ! L’ampia gamma, sempre a vista , ci è utile anche durante i corsi e gli stage, infatti nell’ultimo fatto, domenica scorsa, le nostre allieve, che imparavano a fare le sciarpe, sia tutte di lana, sia di nunofeltro, spesso si avvicinavano alla scaffalatura per vedere gli abbinamenti di colore. Prossimamente amplieremo gli scaffali per mettere a vista anche tutte le lane naturali, dal bianco al grigio antracite, dall’ écru al marrone testa di moro e non ultime le lane  cardate a materassino che noi usiamo soprattutto quando lavoriamo con la tecnica dell’infeltrimento ad ago. Chiaramente possono essere utilizzate anche per la lavorazione ad acqua, si otterrano solo dei risultati diversi, in quanto, le diverse qualità di lana , infeltriscono ognuna a suo modo e ciascuna, più o meno facilmente.

tripudio di colori....lana cardata per realizzare il feltro

tripudio di colori....lana cardata per realizzare il feltro

Per chi non conoscesse questo tipo di lana, spiegheremo in maniera semplice la sua struttura e le sue caratteristiche. La lana è l’unica, tra le fibre di origine animale ad avere la caratteristica di essere ricoperta di minute scaglie che si aprono in presenza di calore e umidità, manipolandole opportunamente, le fibre si avvicinano e si agganciano l’una all’altra, mentre si riducono gli spazi vuoti tra loro . Questo “groviglio” inestricabile di fibre ci dà l’opportunità di ottenere appunto il FELTRO. Lavorare questo materiale, trasformarlo completamente fino a farlo diventare una cosa che prima non c’era è una grande soddisfazione, per questo invitiamo,  tutte le persone che non conoscono la tecnica a provare per scoprire, appunto, le straordinarie doti della lana cardata.

MANTENIAMO VIVA QUEST’ARTE TRADIZIONALE !

Share