Archivio di giugno 2011

Da Cecilia :

Per il prossimo matrimonio di mia figlia Chiara volevo farle un regalo speciale, tutto mio, che le restasse come ricordo della sua folle mamma e dell’ affascinante e coinvolgente hobby che ormai fa parte di me: il feltro lavorato a mano

Pertanto mi sono avventurata nella creazione delle bomboniere, ma non sapevo cosa mi aspettava….. il numero era considerevole soprattutto perché dovevano essere create una per una.

Pertanto per velocizzare il lavoro ho acquistato presso il Gruppo Colle alcuni metri di prefeltro dai colori contrastanti e ho infeltrito i vari pannelli mettendo il prefeltro in quattro strati e poi via…. acqua sapone mani e tanta forza e soprattutto perseveranza perchè, si sa, i creativi non amano ripertersi!!!!!!!

Dopo aver ottenuto un bel feltro piatto, molto resistente e compatto l’ho ritagliato secondo la forma che avevo stabilito e poi l’ho assemblato creando un originale vuota-tasche e sui due lati corti ho applicato dei dischetti sui quali ho messo le cifre degli sposi anch’esse ritagliate a mano una per una.

Per il sacchetto dei confetti: il solito tulle? Assolutamente no, il tulle non si addice al feltro. Pertanto, con le forbici a zig zag, ho ritagliato dei dischi da metri e metri di garza di cotone di un bel colore naturale all’interno della quale ho inserito, invece, il classico sacchettino dei confetti.

Il sacchetto di garza è stato poi fermato con un fiocco di rafia sul quale ho applicato dei piccoli cuori in feltro riprendendo il colore della bomboniera.

Infine il tutto è stato inserito in una scatola di cellophane trasparente legata anch’essa con della rafia di colore naturale.

Ed ora, care amiche di blog, a lavoro completato, eccomi qui a condividere con voi il mio lungo, faticoso, ma tanto gratificante lavoro e poi…. gli sposi sono felicissimi del regalo, senz’altro unico nel suo genere, personalizzato al massimo, ma soprattutto segno del mio grande amore per loro.

 

Bomboniere con iniziali in feltro lavorato a mano
Bomboniere con iniziali in feltro lavorato a mano

Clicca qui per vedere le altre foto

Share

Ultimamente sono stata latitante, lo so, ma a volte capita di essere prese da mille altre cose e non riuscire quindi a fare tutto…tra le mille cose che mi hanno preso, oltre a tutto il resto, c’è stata la tintura naturale di alcuni tessuti. Avevo raccolto una serie di fiori di bouganville, immaginando di tingere almeno  color rosa la mia seta … invece cos’è venuto fuori ? Un color nocciola chiaro sulle sete e sulla lana, appena avorio su garza e tessuto con composizione mista. Come spesso avviene nella tintura c’è stata la sorpresa… un colore che non avrei mai immaginato , visto il colore di partenza dei fiori !

 

Fiori di bouganville ( in pentola )

Fiori di bouganville ( in pentola )

Seta pongè, chiffon, lana,garza e tessuti misti BIANCHI

Seta pongè, chiffon, lana,garza e tessuti misti BIANCHI

Dopo la tintura

Dopo la tintura

Altro tempo invece  l’ho dedicato alle mie miyuki ed ecco cosa ho creato con tanta soddisfazione un bel porta aghi comodo e a mio avviso molto elegante, ne preparerò sicuramente qualcun’altro per fare dei  regaletti a Natale ( meglio anticiparsi no ?)

 

Porta aghi con tecnica peyote

Porta aghi con tecnica peyote

Porta aghi in legno ricoperto con miyuki delica

Porta aghi in legno ricoperto con miyuki delica

Passo  ora invece  a farvi vedere alcuni lavori realizzati in alcuni mercoledì feltrosi passati , dalle nostre allieve che hanno creato delle sciarpe effetto pizzo, altre con tintura della seta e applicazioni in feltro ed infine Elisabetta ha finito la sua bag  shibori

 

nSciarpa effetto pizzo con lana mohair e lana cardata

Sciarpa effetto pizzo con lana mohair e lana cardata

Clicca qui per vedere le altre foto

Share